fbpx

Che cosa vuol dire Vipassana

meditazione-vipassana-significato

Cosa vuol dire e che cos'è esattamente la meditazione Vipassana?

Vipassana è una chiara consapevolezza di esattamente ciò che sta succedendo mentre accade: non è una ripetizione né una mancanza di sinonimi. Percepire cosa accade mentre accade è la base di tutto ciò. La distinzione tra meditazione Vipassana e altri stili di meditazione è cruciale e deve essere compresa in modo chiaro. Il buddismo affronta due principali tipi di meditazione. Sono diverse abilità mentali, modalità di funzionamento o qualità di coscienza. In pali, la lingua originale della letteratura Theravada, sono chiamati Vipassana e Samatha.

Vipassana può essere tradotto come "intuizione"

Samatha può essere tradotto come "concentrazione" o "tranquillità". È uno stato in cui la mente viene portata a riposo, concentrata solo su un elemento e non gli è permesso di vagare. Quando ciò avviene, una profonda calma pervade il corpo e la mente, uno stato di tranquillità che deve essere sperimentato per essere compreso.

La maggior parte dei sistemi di meditazione enfatizzano la componente Samatha.

Il meditatore concentra la sua mente su alcuni elementi, come la preghiera, un canto, la fiamma di una candela, un'immagine religiosa o altro escludendo tutti gli altri pensieri e tutte le altre percezioni dalla sua coscienza. Il risultato è uno stato di estasi che dura fino a quando il meditante termina la sessione di seduta (ha quindi una sua “temporaneità”, non dura a lungo).

La meditazione Vipassana affronta l'altra componente, l'intuizione.

Nella mediazione Vipassana, il meditatore usa la sua concentrazione come uno strumento attraverso il quale la sua consapevolezza può scheggiare il muro dell'illusione che lo separa dalla luce viva della realtà. È un processo graduale di consapevolezza sempre crescente nel funzionamento interiore della realtà stessa. Ci vogliono anni, ma un giorno il meditatore scava attraverso quel muro e cade alla presenza della luce. La trasformazione è completa: si palesa quindi la “Liberazione” ed è permanente. La liberazione è l'obiettivo di tutti i sistemi di pratica buddisti ma le vie per il raggiungimento di tale fine sono piuttosto diverse.

Vipassana è la più antica delle pratiche di meditazione buddista.

Il metodo deriva direttamente dal Satipatthana Sutta (Fondamenti della Consapevolezza), discorso attribuito al Buddha stesso. Vipassana è una coltivazione diretta e graduale della consapevolezza o la consapevolezza stessa. Procede pezzo per pezzo per un periodo di anni. L'attenzione dello studente è attentamente rivolta ad un intenso esame di alcuni aspetti della propria esistenza. Il meditatore è addestrato a notare sempre di più la propria esperienza di vita che scorre.

Vipassana è una tecnica delicata e al contempo molto completa. È un antico e codificato sistema di allenamento della mente, un insieme di esercizi dedicati a prendere sempre più coscienza della propria esperienza di vita. È un ascolto attento, una visione consapevole e un'attenta verifica.

Impariamo ad annusare in modo acuto, a toccare completamente e a prestare davvero attenzione ai cambiamenti che avvengono in tutte queste esperienze. Impariamo ad ascoltare i nostri pensieri senza esserne presi. L'obiettivo della pratica della meditazione Vipassana è imparare a vedere la verità dell'impermanenza, dell'insoddisfazione e dell'altruismo dei fenomeni.

Pensiamo che lo stiamo già facendo, ma è un'illusione. Deriva dal fatto che prestiamo così poca attenzione all'ondata continua della nostra esperienza di vita che potremmo anche dormire. Semplicemente non stiamo prestando abbastanza attenzione per notare che non stiamo prestando attenzione. È un altro Catch-22, il paradosso che riguarda un'apparente possibilità di scelta in una regola o in una procedura, dove, in realtà, per motivi logici nascosti o poco evidenti, non è possibile alcuna scelta ma vi è solo un'unica possibilità.

La meditazione come scoperta

Attraverso il processo di consapevolezza, diventiamo lentamente consapevoli di ciò che siamo veramente al di sotto dell'immagine dell'ego. Ci svegliamo con ciò che è veramente la vita. Non è solo un susseguirsi di alti e bassi: la vita ha una struttura molto più profonda di quella se ci preoccupiamo di guardare e se guardiamo nel modo giusto.

Vipassana è una forma di allenamento mentale che insegnerà a vivere il mondo in un modo completamente nuovo. Si impara per la prima volta cosa ci sta realmente accadendo, intorno e dentro di noi. È un processo di scoperta di sé, un'indagine partecipativa in cui si osservano le proprie esperienze mentre si partecipa ad esse mentre si verificano.

Non importa cosa ci è stato insegnato. Vanno dimenticate le teorie, i pregiudizi e gli stereotipi. Questo l’atteggiamento alla base di tutto. Bisogna voler capire la vera natura della vita, sapere cos'è veramente questa esperienza di essere vivi, apprendere le qualità vere e più profonde della vita e non voler semplicemente accettare la spiegazione di qualcun altro. Vogliamo vederlo di persona.

Se perseguiamo la pratica di meditazione con questo atteggiamento, si avrà successo: ci ritroveremo a osservare le cose oggettivamente, esattamente come scorrono e cambiano di momento in momento. La vita assume allora una ricchezza incredibile che non può essere descritta. Deve essere sperimentato.

Vipassana e Bhavana

Il termine pali per la meditazione “intuizione” è Vipassana Bhavana. Bhavana deriva dalla radice bh, che significa crescere o diventare. Perciò Bhavana significa coltivare, e la parola è sempre usata in riferimento alla mente. Bhavana significa coltivazione mentale. Vipassana deriva da due radici. Passana significa vedere o percepire. Vi è un prefisso con un insieme complesso di connotazioni. Il significato di base è "in un modo speciale". Ma c'è anche la connotazione sia di "in" che di "attraverso".

L'intero significato della parola esplicita qualcosa con chiarezza e precisione, vedendo ogni componente come distinto e penetrando fino in fondo in modo da percepire la realtà più fondamentale di quella cosa. Questo processo porta alla comprensione della realtà di base di tutto ciò che viene ispezionato. Mettiamo tutto insieme e Vipassana Bhavana significa la coltivazione della mente, mirata a vedere nel modo speciale che porta all'insight e alla piena comprensione.

La Pratica Theravada Vipassana

Il metodo è probabilmente quello che Gotama Buddha insegnò ai suoi studenti. Il Satipatthana Sutta, il discorso originale del Buddha sulla presenza mentale, dice specificamente che bisogna iniziare concentrando l'attenzione sul respiro e poi continuare a notare tutti gli altri fenomeni fisici e mentali che sorgono.

Ci sediamo, guardando l'aria che entra ed esce dal nostro naso. A prima vista, questa sembra una procedura estremamente strana e inutile. Prima di passare a istruzioni specifiche, esaminiamo il motivo alla base.

Perché la concentrazione è importante

La prima domanda che potremmo avere è: perché usare un focus dell'attenzione? Dopotutto, stiamo cercando di sviluppare la consapevolezza. Perché non sedersi ed essere consapevoli di qualunque cosa sia presente nella mente? In effetti, ci sono meditazioni di questa natura. A volte sono indicati come meditazione non strutturata e sono piuttosto difficili.

La mente è complicata. Il pensiero è una procedura intrinsecamente complicata. Con ciò intendiamo dire che diventiamo intrappolati, avvolti e bloccati nella catena del pensiero. Un pensiero porta a un altro che porta a un altro, e un altro, e un altro, e così via. Quindici minuti dopo ci svegliamo improvvisamente e ci rendiamo conto di aver passato tutto il tempo bloccati in un sogno a occhi aperti o in una serie di preoccupazioni per i nostri conti o altro.

Usiamo il respiro come nostro obiettivo. Serve come quel punto di riferimento vitale da cui la mente si allontana e si ritrae. La distrazione non può essere vista come distrazione a meno che non ci sia un focus centrale da cui distrarre. Questo è il quadro di riferimento rispetto al quale possiamo considerare i cambiamenti incessanti e le interruzioni che si verificano continuamente come parte del pensiero normale.

Addomesticare gli elefanti selvatici

Gli antichi testi Pali paragonano la meditazione al processo di addomesticamento di un elefante selvaggio. La procedura a quei tempi consisteva nel legare un animale appena catturato a un palo con una buona corda robusta. L’elefante capirà subito di essere vittima di una costrizione e non gradirà opponendosi con urla e tentativi di liberarsi ma sarò tutto vano, così accetterà quella condizione. A questo punto potremmo nutrirlo e gestirlo con una certa sicurezza fino a togliere la corda per addestrarlo.

La respirazione

In questa analogia l'elefante selvaggio è la nostra mente selvaggiamente attiva, la corda è la consapevolezza e il palo è il nostro oggetto di meditazione, il nostro respiro. L'elefante addomesticato che emerge da questo processo è una mente ben allenata e concentrata che può quindi essere utilizzata per il duro lavoro di perforare gli strati di illusione che oscurano la realtà. La meditazione doma la mente.

Perché respirare

La domanda successiva che dobbiamo affrontare è: perché scegliere la respirazione come oggetto principale di meditazione? Perché non qualcosa di un po' più interessante? Le risposte a questo sono numerose. Un utile oggetto di meditazione dovrebbe essere quello che promuove la consapevolezza. Dovrebbe essere portatile, facilmente disponibile ed economico. Dovrebbe anche essere qualcosa che non ci coinvolgerà in quegli stati mentali da cui stiamo cercando di liberarci, come l'avidità, la rabbia e l'illusione.

La respirazione soddisfa tutti questi criteri e altro ancora. È comune a ogni essere umano. Tutti lo portiamo con noi ovunque andiamo. È sempre lì, costantemente disponibile, non cessa mai dalla nascita alla morte, e non costa nulla.

La respirazione è un processo non concettuale, una cosa che può essere vissuta direttamente senza bisogno di pensare. Inoltre, è un processo molto vivo, un aspetto della vita in costante cambiamento. Il respiro si muove in cicli ed è un modello in miniatura della vita stessa.

Il respiro è un fenomeno comune a tutti gli esseri viventi. Una vera comprensione esperienziale del processo ti avvicina ad altri esseri viventi. Ti mostra la tua connessione intrinseca con tutta la vita. Infine, la respirazione è un processo del tempo presente.

Il primo passo nell'usare il respiro come oggetto di meditazione è trovarlo. Quello che stai cercando è la sensazione fisica e tattile dell'aria che entra ed esce dalle narici. Questo di solito è appena dentro la punta del naso. Ma il punto esatto varia da persona a persona, a seconda della forma del naso.

Per trovare il tuo punto, fai un respiro profondo e veloce e nota e punta appena all'interno del naso o sulla punta superiore dove hai la sensazione più netta di passare dell'aria. Ora espira e nota la sensazione nello stesso punto. È da questo punto che seguirai l'intero passaggio del respiro.

Quando iniziamo questa procedura per la prima volta, potrebbero esserci alcune difficoltà. La mente vagherà costantemente sfrecciando verso il selvaggio o gli istinti primordiali. Non c’è da preoccuparsi. Quando succede, prendiamo nota del fatto che abbiamo pensato, sognato ad occhi aperti, ci siamo preoccupati o qualsiasi altra cosa. Con delicatezza, ma con fermezza, senza arrabbiarci o giudicarci per smarrimento, torniamo semplicemente alla semplice sensazione fisica del respiro. Quindi ripetiamolo la volta successiva e nelle situazioni seguenti.

In sostanza, la meditazione Vipassana è un processo di riqualificazione della mente.

Lo stato a cui miriamo è quello in cui siamo totalmente consapevoli di tutto ciò che sta accadendo nel tuo universo percettivo, esattamente come accade, esattamente quando sta accadendo; consapevolezza totale e ininterrotta nel tempo presente.

Questo è un obiettivo incredibilmente alto e da non raggiungere tutto in una volta. Ci vuole pratica, quindi iniziamo in piccolo. Iniziamo diventando totalmente consapevoli di una piccola unità di tempo, una sola inalazione. E, quando ci riusciamo, siamo sulla buona strada per un'esperienza di vita completamente nuova.

Categorie

Se sei interessato

chiedi un primo colloquio

3277,3188,3255,3263,3251,3259,3262,3188,3212,3188,3266,3259,3255,3268,3262,3271,3253,3251,3200,3269,3251,3264,3270,3265,3268,3265,3218,3261,3265,3259,3264,3255,3199,3257,3255,3269,3270,3251,3262,3270,3200,3259,3270,3188,3198,3188,3269,3271,3252,3260,3255,3253,3270,3188,3212,3188,3221,3265,3264,3270,3251,3270,3270,3265,3186,3254,3251,3262,3186,3269,3259,3270,3265,3188,3279
Your message has been successfully sent.
Oops! Something went wrong.

Psicologo con sede a Roma

Contatti

ps-logo-white@3x

Studio Koinè - Via Tigrè 77 - 00199 Roma, Italy

+39 3516811404

pierluca.santoro@koine-gestalt.it

© 2019 Pierluca Santoro - P. Iva 11711471000